fbpx
Castello di Rovereto, pregevole esempio di roccaforte alpina altomedioevale

Castello di Rovereto, pregevole esempio di roccaforte alpina altomedioevale

Si erge maestoso sullo sperone roccioso proprio dove il torrente Leno confluisce nella città. Ha una storia interessante e, a partire dal 1921, diviene sede del meraviglioso Museo Storico Italiano della Guerra. Conosci questo bellissimo esempio di castello alpino nel cuore della città di Rovereto? Per interessanti spunti e per riscoprire la sua storia non perderti questo post.

Trentino Sviluppo S.p.A., Marco Simonini - Vallagarina - Rovereto - Castello di Rovereto con vista sul torrente Leno

Un po’ di storia…

Il maniero di Rovereto affonda le sue origini nel XIV, quando venne eretto dai conti di Castelbarco col fine di presidiare con maggiore efficacia la Vallagarina. La posizione originale della rocca non era infatti casuale; permetteva, infatti, il controllo del passaggio del Leno e delle vie che arrivavano a Rovereto, la Vallagarina e la Vallarsa. Con il Quattrocento e la progressiva espansione da sud dei veneziani, il castello confermò il suo ruolo interessante e nevralgico di controllo del territorio. Castello di RoveretoLa Serenissima arriva a Rovereto nel 1416, quando occupa conseguentemente anche il Castello di Rovereto. La sua attuale forma poligonale altro non è che il risultato degli ammodernamenti effettuati dai veneziani che lo trasformarono da rocca medioevale a castello con tratti militari ben più decisi, dai camminamenti per il servizio dei cannoni, alla cinta muraria, ai suggestivi torrioni Marino, Malipiero e Coltrino, al fossato  al pozzo profondo 57 metri. In pochi anni diviene uno dei migliori esempi di fortificazione alpina tardomedioevale. Il castello rimarrà in mano veneziana fino al 1509, anno in cui viene ceduto agli Asburgo. Col passare dei secoli la funzione di controllo strategico del territorio viene meno ed il suo definitivo decadimento avviene nell’Ottocento quando, venne utilizzato come ricovero di mendicità e casa di pena. Durante il primo conflitto mondiale diviene sede di due compagnie di Kaiserjaeger.

La sua seconda vita avviene quando, nel 1921, diviene sede del prestigioso Museo Storico Italiano della Guerra, certamente uno dei più interessanti a livello europeo.  Viene inaugurato il 12 ottobre 1921 e deve la sua nascita alla volontà di un gruppo di cittadini roveretani con lo scopo di ricordare il primo conflitto mondiale da poco concluso e preservarne la memoria, raccogliendo oggetti e cimeli. Si tratta di un gioiello che merita una visita per la straordinarietà delle collezioni ivi presenti.

 

Castello di Rovereto

Quick Info

Apertura: da martedì a domenica 10:00-18:00. Nei mesi di luglio, agosto e settembre: sabato e domenica 10:00-19:00

Chiusura: lunedì non festivi

Torrione del Castello di Rovereto

Via Castelbarco, 7
38068 – Rovereto (TN)

T: +39 0464 438100
info@museodellaguerra.it
www.museodellaguerra.it


PRENOTANDO CON OSTELLO CITTÀ’ DI ROVERETO INGRESSO GRATUITO!

Richiedi subito la card al momento della prenotazione per entrare GRATUITAMENTE in TANTISSIMI MUSEI, CASTELLI e ATTRAZIONI DEL TRENTINO

PRENOTA

Oltre al Castello di Rovereto ti stuzzica particolarmente il fascino dei castelli delle Alpi? Ti consigliamo di non perder di visita la nostra lista dei desideri sui Castelli più belli del Trentino!

Castelli del Trentino

The following two tabs change content below.

Leave a comment