Rifugio Papa

Rifugio Papa e la Strada delle 52 Gallerie

Conosci il Rifugio Papa al cospetto del gruppo del Pasubio?

Se non ha mai avuto occasione di respirare la memoria della grande guerra ti sei perso un pezzettino di emozione che devi al più presto recuperare.

Curiosi e pronti ad accogliere qualche spunto interessante e qualche nuovo dettaglio per un’escursione tra natura e memoria? Non perdetevi questo post!

Rifugio Papa

Rifugio Papa

 

 

 

 

 

 

 

 

Un po’ di storia…

Come tanti bellissimi rifugi sull’arco alpino meridionale, il Rifugio Papa viene ultimato poco dopo la prima guerra mondiale sui ruderi di un ricovero in muratura dei baraccamenti, situati al riparo dal tiro dell’artiglieria austriaca.

 

 

 

 

 

Rifugio PapaDa dove partire…

Il Rifugio Generale Papa si situa poco sotto i 2000 m.s.l.m.. e si trova alle porte del Gruppo del Pasubio, suggestivo teatro della Prima Guerra Mondiale.  Di forte impatto emotivo il percorso che parte dal Cogolo Alto e arriva ai Denti Italiano e Austriaco fino alla Chiesetta che ricorda mons. Galloni, alla umile Tomba del gen. Rossi. Molteplici sono le vie per arrivare al rifugio e consigliamo le più belle e conosciute:

– per la Strada degli Eroi e la Galleria Gen. d’Havet con partenza dal Passo Pian delle Fugazze;

– per la straordinaria Mulattiera delle 52 Gallerie (alta ingegneria bellica con garanzia di scorci mozzafiato) raggiungibile da loc. Ponte Verde (bivio ss. 46 a dx) vs Passo Xomo/Bocchetta Campiglia ove si lascia l’auto;

– salendo la pittoresca Val Canale.

 

 

 

Rifugio Papa e Strada delle 52 gallerie

Rifugio Papa e Strada delle 52 gallerie

 

Tips and Tricks

APERTURA PREVISTA DAL 01-06-2020 AL 18-10-2020

Webcam: http://rifugiopapa.venetorifugi.it/

GESTORE: Renato Leonardi   328-0339538

 

Sei alla ricerca di altri percorsi verso i bellissimi rifugi vicini a Rovereto?

Non mancare di programmare una delle seguenti bellissime escursioni:

– Rifugio Damiano Chiesa al Monte Altissimo;

Rifugio Campogrosso;

Rifugio Pernici.

 

The following two tabs change content below.

Ultimi post di Francesco Serafini (vedi tutti)

Leave a comment